La pesca a mosca in provincia di viterbo

Dun o Spinner?

Dun o Spinner: quali delle due preferiscono i pesci?

Siamo tutti convinti che l’imitazione di una “imago” (o “immagine”, o meglio ancora insetto perfetto, “spinner” per gli Inglesi) sia meno efficace rispetto ad una imitazione di “subimago” (insetto non perfetto, ossia non ancora maturo per la riproduzione, la “dun” per gli Inglesi).

Le imago, infatti, sono il prodotto dell’ultima muta, che in genere avviene sulle foglie, sui rami, sui sassi. In ogni caso, distanti dal corso d’acqua.

Le “spinner”, quasi sempre dai colori vivi ed ali trasparenti (contrariamente alle subimago che sono invece più smorte e con le ali opache), non si avvicinano all’acqua se non per deporre le uova e poco dopo morire.

E’ dunque normale supporre che il pesce sia più interessato alle subimago che, una volta uscite dall’acqua, restano sulla superficie per un periodo più o meno (relativamente) lungo e quindi sono più facili da predare.

L’opinione di un famoso pescatore francese

Da qui la credenza comune: se devi costruire una imitazione di effimera, non fare una spinner ma una dun. E’ proprio vero? Vediamo cosa diceva de Boisset nel suo “Les Mouches du Pecheur de Truites”:

“Dobbiamo quindi sforzarci di creare, malgrado l’imperfezione dei nostri mezzi, una imitazione accettabile di quelle meraviglie che sono gli Ecdyonuridi. Per tutte queste specie, penso che non sia molto utile riprodurre la subimago.

Quello che ho già detto sulle abitudini dell’insetto alato ne fornisce una sufficiente giustificazione. Abbiamo visto, in effetti, che queste Effimere non possono schiudere se non su tratti di fiume veloci, agitate, tumultuose.

E’ già questo un motivo per cui la subimmagine non resta a lungo su una superficie così inospitale. Inoltre, tutti gli Ecdyonuridi sono degli insetti robusti e molto vigorosi che si involano non appena si sono liberati della loro cuticola larvale.

Al contrario, l’immagine femmina che ha appena deposto le uova sulla corrente provoca delle bollate meravigliose. Dovremo dunque cercare di imitare questo stadio.”

A volte dare uno sguardo al passato rivela piacevoli sorprese…

OV

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.