La pesca a mosca in provincia di viterbo

Gara sociale 2022

Gara di lancio e costruzione sono le uniche espressioni “sportive” concepite ed accettate dal Tuscia Fly Club.

Con l’arrivo della bella stagione e l’allentarsi delle restrizioni dovute alla pandemia si può ricominciare a godere delle belle giornate ed a organizzare eventi all’aperto. In questo contesto, il 3 di aprile 2022  il Tuscia Fly Club ha organizzato per i propri soci -ma l’invito è stato esteso a tutti gli interessati- a Marta appassionati e curiosi alla gara di lancio tecnico e di costruzione di mosche artificiali.

Nonostante le previsioni affatto rosee, visto il meteo del giorno precedente (pioggia, grandine ed anche neve!!!), l’evento è stato salutato da un tiepido sole ed un venticello che non ha però eccessivamente disturbato la gara.

Svolti i preparativi necessari a delimitare le zone di lancio e i bersagli, la gara ha avuto inizio.

In questa edizione la partecipazione era riservata ai soci del club ma ciò nonostante tra gli “atleti” l’emozione e lo spirito competitivo si sono fatti sentire.

La gara di lancio

Alla prima prova i partecipanti si sono cimentati nei lanci sulla distanza, una disciplina spettacolare ma che in pesca ha poco riscontro. Infatti i nostri corsi d’acqua raramente richiedono lanci oltre i 10-12 metri; tuttavia non sono mancate prestazioni degne di nota anche oltre i venti metri.

Al termine di questa prima tornata di prove è stato il turno del lancio di precisione con bersagli su terra e in acqua.

In questo caso, complice l’emozione e un pizzico di inesperienza (in questo tipo di competizioni infatti alcuni trucchi permettono più facilmente di centrare l’obiettivo), molti dei bersagli sono stati mancati di un soffio. Ciò nonostante alcuni sono andati a segno e il loro punteggio ha permesso ai partecipanti di scalare la classifica, confermando, anche in gara, quanto la precisione sia importante nella pesca a mosca.

Durante tutto lo svolgersi della manifestazione è stato possibile respirare un’atmosfera scherzosa dove lo sfottò si alternava con il tifo e dove in fondo ognuno si immedesimava nell’altro portando tutti a tifare per tutti.

Ovviamente ad essere presi più in giro, seppur bonariamente, sono stati i giudici che hanno avuto il loro bel da fare, tra una misurazione e l’altra, a districare nodi o cambiare i “fiocchi” ai lanciatori.

La gara di costruzione

Conclusa la prima parte della manifestazione è arrivato il momento di mettersi al morsetto per la gara di costruzione.

Le imitazioni da realizzare erano due:

  • una secca rappresentata da una formica alata e
  • una famosa sommersa, la Red Tag.

Tempo massimo per realizzare entrambe: un’ora.

Ogni concorrente ha approntato la propria postazione nel modo migliore possibile ed affrontato la prova a suo modo; qualcuno con più emozione degli altri e forse all’inizio la mano ha tremato un po’ all’idea di costruire davanti ad un pubblico.

Fortunatamente le chiacchiere e le battute hanno disteso l’atmosfera aiutando i concorrenti a dedicarsi alle proprie imitazioni in modo più sereno.

Ognuno ha ovviamente interpretato, secondo la propria sensibilità, esperienza e i materiali in suo possesso, le imitazioni richieste consegnate le quali la giuria si è ritirata per conteggiare i punteggi
delle prove di lancio e valutare le imitazioni presentate.

Dopo un tempo che ai partecipanti è sembrato infinito, tutti hanno potuto concentrarsi su quello che in fondo era il premio più ambito, il pranzo!

Chi non conosce il Tuscia Fly Club deve sapere che i pranzi e le cene sono sempre un momento speciale, secondo solo alle uscite di pesca ed anche questa volta non ha deluso le aspettative regalando ai presenti momenti di autentica unione.

Gara Sociale: consegna attestato
Gara Sociale: consegna attestato

Dopo il caffè come da programma il presidente Osvaldo Velo,  che si conferma anche questa volta il vero motore del Club, ha preso la parola per procedere con la premiazione e con la consegna dell’attestato di frequenza del corso di lancio a Federico Erbetti.

Parole di soddisfazione sono state spese per il risultato ottenuto nonostante il clima sembrasse avverso, passando poi a elencare le posizioni di tutti i partecipanti e alla premiazione dei vincitori.

C’è stata anche qualche tirata d’orecchie ai partecipanti per errori che chi più e chi meno ha commesso ma che farà sicuramente bene loro per potersi migliorare.

I risultati

Questa la classifica finale:

Gara di Lancio distanza + bersagli:

  1. Alessio Frittelli: 19,05mt – punti 34,29
  2. Amedeo Tomassi: 16,80mt – punti 20,60
  3. Valerio Buzzi: 16,65mt – punti 19,49
  4. Giuliano Giambolini: 22,00mt – punti 16,05
  5. Federico Erbetti: 10,08mt – punti 10,56
  6. Roberto Fossati : 13,50mt – punti 10,13

Gara di costruzione:

1° Federico Erbetti

Formica: 65 – Red Tag: 81
Totale 146 punti

2° Roberto Fossati

Formica: 93 – Red Tag: 41
Totale 134 punti

3° Amedeo Tomassi

Formica: 58 – Red Tag: 56
Totale 114 punti

4° Giuliano Giambolini

Formica: 60 – Red Tag: 51
Totale 111 punti

5° – Valerio Buzzi

Formica: 59
Red Tag: 48
Totale 107 punti

Tutto il Tuscia Fly Club ci tiene a ringraziare il Comune di Marta per aver concesso la disponibilità del “campo gara”, il ristorante “Il Chicco di Grano” per l’ospitalità per la gara di costruzione, le gentili consorti/compagne per aver coadiuvato i giudici (Gianfranco e Osvaldo) nello svolgimento della manifestazione e tutti i partecipanti.
Il club abbraccia inoltre il suo vicepresidente, Sandro Ulisse, che nonostante si sia prodigato al massimo per la buona riuscita della manifestazione, non ha potuto suo malgrado essere presente.

Già stiamo pensando al futuro: nell’aria che odora di primavera già si sentono i frizzi ed i lazzi che caratterizzano tutte le nostre iniziative e l’aroma del pranzo in occasione del prossimo incontro conviviale.

A. Tomassi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.